News

Tre produzioni Itinera tra le proposte di Pomigliano Jazz in Campania 2016

itinera3news

Pomigliano Jazz è dal 2004 anche edizioni musicali. Le ultime tre produzioni di Itinera, etichetta pomiglianese nata con l’intento di valorizzare i migliori talenti campani, stimolando l’incontro con jazzisti di fama internazionale, saranno presentate nel corso della XXI edizione di Pomigliano Jazz in Campania.

Il primo artista a portare tra la gente il suo ultimo lavoro discografico sarà il sassofonista MARCO ZURZOLO che, nella cortile del Palazzo Mediceo di Ottaviano, presenterà il 16 settembre “Chiamate Napoli…081”. La sua musica è un omaggio a Napoli, al suo popolo, alla sua energia, ma anche alle sue infinite contraddizioni, che la rendono da sempre una città unica ma incompiuta, fonte di stimolante creatività, ma spesso maltrattata anche da coloro che dovrebbero farne il suo bene. Zurzolo sarà accompagnato da un trio d’eccezione composto da Francesco Nastro al pianoforte, Gigi De Rienzo al basso e Claudio Romano alla batteria.

Sul palco grande del Parco delle Acque di Pomigliano sarà poi la volta del DEA Trio, che il 17 settembre aprirà il concerto di Bugge Wesseltolf & Christian Prommer. Un trio nato circa quindici anni fa dall’intesa musicale, e non solo, di tre giovani talenti campani, il pianista Andrea Rea, il contrabbassista Daniele Sorrentino e il batterista Elio Coppola. Nel frattempo i tre sono cresciuti, non solo anagraficamente, ma soprattutto artisticamente, affermandosi sulla scena nazionale e internazionale. Il bagaglio di esperienze accumulate in questi anni costituisce l’ingrediente principale della loro “opera prima” sotto il nome di DEA Trio. “Secret Love” è un disco dal respiro europeo, suonato con saggezza ed eleganza, in cui l’interplay rilassato nasce dalla voglia di stare insieme, crescere e diventare grandi.

Il festival si chiude sempre nel segno di Itinera. Nell’ultima tappa, il 24 settembre, negli affascinanti spazi del Museo Emblema di Terzigno, il TRIO DI SALERNO presenta “Tre”. Il trio prosegue nella narrazione musicale avviata con “Cantabile” e portata avanti con “Luna Nuova”, ribadendo la gioia del suonare insieme. La formazione “preferita” da Sandro Deidda (sax tenore, soprano e clarinetto), Guglielmo Guglielmi (pianoforte) e Aldo Vigorito (contrabbasso) si conferma un non-luogo musicale dove ritrovarsi, recuperare creatività ed energie, esprimere le proprie idee sicuri di trovare riscontro e condivisione. Un incontro in cui la ricerca della cantabilità non legata al genere e il gusto del contrappunto garantiscono un interplay fuori dal comune.

Tre produzioni fortemente campane eppure proiettate di diritto, per sonorità, creatività e qualità della produzione, sulla scena jazzistica europea.

Share Button