News

“Vesuvius Jazz” presentazione a Boscoreale

Nell’ambito della seconda edizione di “Vesuvio@emotion – La festa del vulcano” sabato 24 alle ore 18.45 presso il nuovo auditorium di di Villa Regina (via Le Corbusier) sarà presentato il docufilm “Vesuvius Jazz” prodotto dalla Fondazione Pomigliano Jazz e dall’Ente Parco Nazionale del Vesuvio. Libro e dvd pubblicato dalle edizioni Martin Eden.

All’incontro prenderanno parte il direttore artistico del Pomigliano Jazz in Campania, Onofrio Piccolo, il presidente dell’Ente Parco Agostino Casillo, il presidente di Slow Food Vesuvio, Maria Lionelli e il giornalista Giuseppe Pesce.

Il documentario Vesuvius Jazz, nato da un’idea di Onofrio Piccolo e scritto da Giuseppe Pesce, che ne firma la regia con Giovanni Maria Pacchiano, attingendo ai materiali d’archivio (audio, foto e video) della Fondazione Pomigliano Jazz, propone un affascinante viaggio intorno al Vesuvio, attraverso i concerti e le tante attività proposte dal festival negli ultimi anni.

Un itinerario insolito, sulle note di grandi interpreti internazionali del jazz (da Archie Shepp a Enrico Rava, a Marco Zurzolo, e tanti altri) per scoprire un entroterra ricco di tradizioni e di risorse (culturali, turistiche, enogastronomiche) attraverso mete bellissime ma ancora poco frequentate, dal Castello Mediceo di Ottaviano alla Villa Augustea di Somma, da Madonna dell’Arco ai conetti del Carcavone, alla Museo Emblema di Terzigno; fino ad arrivare al Gran Cono del Vesuvio, location d’eccezione dei concerti di Pomigliano Jazz dal 2014.

Vesuvius jazz è uno dei più suggestivi e coraggiosi progetti fioriti intorno al Pomigliano Jazz in Campania: l’idea di tracciare dei “sentieri di note” lungo le pendici del vulcano più famoso del mondo, fino ad arrivare a scalarne la vetta, per far risuonare sul bordo del cratere una musica carica di emozioni. Un’esperienza unica, che si rinnova di anno in anno, in sinergia con il Parco Nazionale del Vesuvio, custode di una delle più grandi riserve naturali e di biosfera tutelate dall’Unesco.

Share Button